Rita Rusic accusa Vittorio Cecchi Gori di averle tolto tutto

Rita Rusic, ospite nella puntata di Verissimo di domani, ha detto che Cecchi Gori le ha tolto tutto; i due non si parlano da quest’estate

rita rusic verissimo
Screenshot

Rita Rusic sarà ospite domani a Verissimo. Durante l’intervista la produttrice ha ripercorso la sua relazione con Vittorio Cecchi Gori e ha raccontato: “Era un uomo che sapeva plasmarti ed io quando l’ho conosciuto ero molto giovane. Penso che mi abbia amata davvero, ma le cose sono iniziate a cambiare quando sono diventata una donna di successo”.

Rita racconta che quando ha iniziato ad avere successo, Vittorio ha iniziato a cambiare, come se fosse dispiaciuto, come se lei gli avesse tolto qualcosa per realizzarsi.

LEGGI ANCHE >>> Wanda Nara furiosa con Luciana Littizzetto: “Ne risponderà nelle sedi opportune”

LEGGI ANCHE >>> Elisabetta Gregoraci: avete mai letto la prima intervista fatta a suo figlio Nathan?

Rita Rusic: “Vittorio Cecchi Gori era diventato aggressivo”

rita e cecchi gori

Rita Rusice Vittorio Cecchi Gori sono stati sposati i dal 1983 al 2000 :“Per 16 anni non mi ha mai concesso la possibilità di fare un’intervista. Questo senso di competizione gliel’ha trasmesso suo padre, che era molto geloso. Lui ripeteva spesso ‘sono figlio di un grande padre e marito di una grande moglie’. Lo pensava, ma ne soffriva.”

Rita ha raccontato quindi di questa sorta di gelosia e di invidia da parte di suo marito Vittorio. La situazione si iniziò ad aggravare con i vizi dell’imprenditore che lo avevano fatto diventare “un uomo aggressivo“.

Silvia a questo punto ha chiesto a Rita se Vittorio è mai stato violento fisicamente, Rita ha risposto: “Si sa che nei momenti drammatici può succedere di tutto. Eravamo diventati una famiglia sofferente, lui se ne rendeva conto ma si vede che dall’altra parte c’era qualcosa di più importante. È stato molto triste separarmi, ma l’ho fatto anche per un forte senso di responsabilità per i figli. Loro hanno sofferto la mancanza d’amore da parte di un padre che, forse, non era in grado di dargliene”.