Il Guardian celebra la Carrà: ha insegnato al mondo la libertà sessuale

Il prestigioso quotidiano britannico dedica oggi un lungo articolo a Raffaela Carrà, con un titolo che la dice lunga: “Colei che ha insegnato all’Europa le gioie del sesso”.

Raffaella Carrà sul Guardian
Foto Instagram

Il giornale ripercorre tutta la carriera della cantante, ballerina e presentatrice italiana, sottolineando come alcuni suoi brani siano stati un inno alla libertà e all’emancipazione dei costumi sessuali degli italiani, ma ancor di più delle italiane.

Raffaella viene descritta come un’icona nazionale che ha rivoluzionato l’intrattenimento in Italia e ha fatto cadere alcuni taboo che insistevano in quegli anni nella cultura dell’Italia.

Il quotidiano ripercorre tutta la sua carriera dagli anni ’60 a oggi e spiega quello che la diva pop ha rappresentato dal punto di vista culturale nella cattolicissima Italia del XX secolo.

Un’icona sexy, certamente, con il suo ombelico scoperto in trasmissioni come Canzonissima e le sue gambe da ballerina sempre in mostra e quel caschetto corto e biondo. Ma sempre con ironia e con canzoni che fanno parte della cultura del nostro paese.

LEGGI ANCHE >>> Gerry Scotti finalmente guarito!

La diva pop che liberato la mente delle italiane

Raffaella Carrà musical
Foto Instagram

Motivetti apparentemente leggeri, dai suoni che ti entrano in testa e non ne escono più. Chi non conosce almeno i brani più famosi “Com’è bello far l’amore”, “Tuca Tuca” e “A far l’amore comincia tu”? Ma quelle canzoni avevano testi che ispiravano rivoluzione e liberazione sessuale e di costume.

“Quando la Svezia aveva gli Abba, l’Italia aveva la Carrà, che ha venduto milioni di dischi in tutta Europa” continua il quotidiano britannico precisando che, a livello vocale, negli stessi anni in Italia c’erano interpreti nettamente superiori, come Mina, Milva, Patty Pravo e Giuni Russo. “Ma la Carrà le ha superate tutte”.

Il Guardian per celebrare questa icona ormai non soltanto italiana, ma europea, ha colto l’occasione dell’uscita di un musical cinematografico italo-spagnolo interamente costruito sulle canzoni della Raffaella nazionale: “Explota Explota!”.

LEGGI ANCHE >>> Caso Genovese: alle sue feste anche Belen