In Germania un’associazione sta raccogliendo i mattoncini Lego per costruire rampe per disabili

RAMPE CON I LEGO
Foto di nw.de

Non solo servono a far divertire e giocare i bambini di tutto il mondo, ma da un po’ di tempo a questa parte i mattoncini Lego vengono impegnati per missioni ancora più nobili ed eroiche.

A Würzburg, Germania, un’associazione per i dritti dei disabili sta raccogliendo mattoncini usati per realizzare rampe d’accesso a marciapiedi e negozi.

In questo modo si permette a chi è in carrozzina di superare le barriere architettoniche e poter arrivare sui marciapiedi o entrare nei negozi.

L’idea è stata di una «nonnina» tedesca, Rita Ebel, che da 25 anni è disabile e ogni giorno deve superare il problema delle barriere architettoniche

LEGGI ANCHE >>> Facebook lancia GetDigital

In Germania si sono costruite rampe colorate per disabili con i mattoncini Lego

Rampe fatte con i Lego
Foto di Pixabay

Ad averci pensato è un’associazione di Würzburg, in Germania, che si occupa di agevolare la vita delle persone con disabilità.

Questa associazione ha deciso di usare i mattoncini Lego per costruire delle rampe che possano rendere più agevolo l’accesso ai marciapiedi e ai negozi. Il progetto prevede di installarne tantissime in città. Ed è per questo che servono migliaia di mattoncini.

Per questo motivo in città è partita una raccolta di beneficienza che permetterà di raccogliere tutti i mattoncini necessari. I cittadini potranno donare i Lego che non usano più, nei negozi e nei bar.

In questo modo oltre ad aiutare i disabili con questa iniziativa, si aiuta anche l’ambiente, perché si usano dei materiali già esistenti che vengono riciclati per un nuovo e importantissimo utilizzo.

In questa città tedesca presto ci saranno delle rampe per disabili nuove di zecca e coloratissime.

La trovata della nonna tedesca sta prendendo piede anche all’estero: oltre all’Austria e alla Svizzera, sono infatti arrivate richieste anche dalla Spagna e da una scuola negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE >>> In arrivo le chat di WhatsApp che si autodistruggono