Il piercing al capezzolo torna prepotentemente di moda

Il piercing al capezzolo torna prepotentemente di moda, ma in realtà è una pratica antica che la moda non ha mai abbandonato. Approfondiamo.

Sembrava che fosse stato un po’ abbandonato, in virtù di altre forme di estetica decorativa; invece il Piercing al capezzolo oggi torna prepotentemente di moda. Quello della foratura dei capezzoli è una pratica molto antica e che appartiene a popoli tribali come a società moderne. Quanto sappiamo sul piercing al capezzolo? Perchè oggi è tornato alla ribalta?

Piercing al capezzolo: un po’ di storia

Quanto sapete davvero di piercing al capezzolo, e soprattutto perchè oggi torna prepotentemente di moda? Noi abbiamo scoperto molte notizie curiose, che vi riportiamo in questo articolo.

Abbiamo scoperto che, a differenza di quanto si possa pensare, il piercing al capezzolo non è solo un ornamento tribale anzi: nel XIV sec., alla corte di Isabella di Baviera, le donne indossavano vestiti molto scollati. Questi abiti scoprivano il corpo fino all’ombelico, e in questo modo i seni nudi venivano decorati, colorati, impreziositi: il piercing era proprio questo, un gioiello infilato nella protuberanza tramite foratura, ed era anche molto apprezzato.

La pratica della foratura del capezzolo è anche più antica del periodo citato, si sa che veniva usata anche presso gli egizi. Ma è in epoca vittoriana che la pratica acquista le sembianze di una vera moda.

Ci sono molte testimonianze che affermano come, ad inizio ‘900, moltissime signore dell’alta società avevano i capezzoli forati con aggiunta di catenelle e altri ornamenti preziosi. Si dice che anche la mamma di Churchill ne avesse uno.

Dicerie o verità che fossero, molti gioiellieri londinesi dell’epoca, affermano di aver praticato piercing al capezzolo a molte signore. La moda era comunque in auge in Francia e Stati Uniti, come testimoniato da numerose riviste dell’epoca.

Piercing al capezzolo: perchè oggi è tornato di moda?

La pratica in realtà non è mai sparita. Oggi la diffusione delle informazioni è talmente immediata, da concederci la possibilità di sapere qualunque cosa e soddisfare ogni curiosità.

È proprio grazie a questo che il piercing al capezzolo è tornato così prepotentemente di moda. Sono tantissime le star, modelle e personaggi famosi che decidono di forarsi un capezzolo; la pratica ad oggi è anche diventata più sicura, dato che se ne conoscono tutti gli aspetti.

Ad eseguire il piercing al capezzolo è un professionista del settore: Individuata la direzione, che può essere verticale orizzontale o diagonale, si estende il tessuto e si fora da parte a parte con un ago. La sede del foro è alla base della protuberanza e solitamente non rappresenta un dolore insostenibile. Ovviamente quest’ultima affermazione dipende da persona a persona, ma la cosa più importante di un piercing è la cura con cui tenerlo.

Il foro ha dei tempi di guarigione molto lunghi, che variano da 6 mesi ad 1 anno e mezzo. È molto importante tenere il foro pulito e deterso: a tale scopo esistono prodotti e saponi specifici che vanno usati con costanza e attenzione. Anche il gioiello deve essere disinfettato ogni giorno in concomitanza con la disinfezione del foro.

È vero che alcuni piercing non guariscono mai? Purtroppo è vero, e dipende dalla cicatrizzazione dei tessuti. Questa è diversa per ognuno di noi, ma se rappresenta un ostacolo alla guarigione del piercing, quest’ultimo va definitivamente rimosso.

Previous article10 cose da sapere su Il Segreto
Next articleI nomi per cani più originali: idee a 4 zampe!
Digital designer and brand curator con la passione per storia, funzionamento e riproduzione (a mano libera, su carta e in digitale) di tutto ciò che osservo. Prediligo il lavoro in team e sono sempre bendisposta al confronto di idee dal quale traggo ispirazione e insegnamento. Ho lavorato e lavoro da anni a contatto con il pubblico e mi auguro di poter continuare a comunicare agli altri le mie idee, non solo a parole ma con l’illustrazione, la fotomanipolazione, la post-produzione e tutte le tecniche rappresentative che approfondirò. Vorrei anche essere un ingegnere, ma questa è un'altra bio.