Come e perché rifarsi il seno

La mastoplastica è uno degli interventi più richiesti in questo momento. Scopri tutti i dettagli dalla mastoplastica additiva a riduttiva.

La mastoplastica additiva, al giorno d’oggi, è uno degli interventi più richiesti al mondo. Le ragioni possono essere diverse, sia estetiche, con lo scopo di aumentare il volume del seno, sia mediche, quando necessaria per motivi di salute. 

Scegliere le protesi mammarie

Esistono diversi tipi di protesi mammarie. Ognuno di questi ha differenti caratteristiche che li rendono più adatti a un determinato tipo di struttura fisica. Le prime protesi proposte sono quelle in soluzione salina, composte da un involucro di silicone con all’interno, per l’appunto, della soluzione salina. Un altro tipo di protesi molto utilizzato è quella in silicone, composta da una parte esterna di silicone riempita con del gel di silicone.

Un’altra tecnica usata è quella delle protesi di tessuto, ancora in fase di sperimentazione, nella quale vengono impiegate cellule prelevate dal corpo del paziente e vengono miscelate con un materiale di impalcatura. Questo tipo di protesi ha il vantaggio di non avere rischi di perdita con il passare degli anni e, quindi, di rimanere della stessa forma e grandezza per l’intera vita. Al contrario, le protesi di silicone, con il passare del tempo tendono a diminuire fino al 40% della grandezza.

La mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è un tipo di intervento chirurgico a cui si sottopongono moltissime donne non solo per aumentare il volume del proprio seno, ma anche per rimodellarne la forma. La gravidanza è uno dei momenti più importanti nella via di una donna, ma spesso rende il seno cadente e poco sodo, creando una sensazione di invecchiamento che spinge le donne a sottoporsi a questo tipo di intervento.  Il seno, d’altronde, è considerato la massima espressione di femminilità, quindi la mancanza di seno o la presenza di un seno “brutto”, porta le donne a pensare questo tipo di intervento sia l’unica soluzione. In alcuni casi, la poca soddisfazione del proprio corpo può sfociare in un vero e proprio problema psicologico. 

Mastoplastica riduttiva 

La mastoplastica riduttiva, al contrario di quella additiva, è un tipo di intervento per ridurre il volume del seno. Questo tipo di intervento, nella maggior parte dei casi, viene richiesto per correggere il volume del proprio seno nel caso esso sia cadente o per correggere un’asimmetria tra i due seni. Inoltre, un altro motivo per il quale viene spesso richiesto questi tipo di intervento, è per ridurre il peso del seno, che può portare mal di schiena, problemi respiratori e dermatite. Un volume del seno importante, infatti, può, in alcuni casi, aumentare le probabilità di tumore al seno. 

I costi per la mastoplastica

La mastoplastica è uno di quegli interventi, che sia per la sua precisione, sia per la grande richiesta, ha costi molto elevati. Ovviamente, il prezzo cambia a seconda del medico operante, della struttura in cui si decide di essere operati e a seconda e del tipo di protesi scelto. Diffidate sempre di chi vi dice che un’operazione del genere può essere fatta a costi molto più bassi della media. 

In conclusione, non bisogna prendere sottogamba la mastoplastica, perché è un’operazione vera e propria volta a cambiare i connotati del vostro corpo.