Chi era San Mauro Abate

San Mauro Abate è strettamente legato a San Benedetto. Chi era San Mauro Abate e cosa lo rende speciale agli occhi di Dio e degli uomini?

0
96

Su San Mauro Abate ci sarebbe molto da dire, in quanto personaggio di spicco in quell’epoca barbara che precedette la fine dell’Impero Romano. Il suo nome è strettamente legato a quello di San Benedetto, di cui era discepolo assieme a San Placido. Chi era San Mauro Abate e cosa lo rende speciale agli occhi di Dio e degli uomini?

La giovinezza

Mauro era figlio di un console e senatore romano, e nacque nel 512 d.C. alla fine degli splendori e degli onori dell’Impero. Il padre lo affidò a San Benedetto nel monastero di Subiaco, per garantirgli un futuro ed un sostentamento certo. San Mauro divenne uno dei più intimi di San Benedetto che addirittura lo scelse come suo successore. Ma nella giovinezza gli vengono ache attribuiti dei miracoli: secondo la tradizione San Benedetto ebbe una visione di San Placido che cadeva in un lago, in seguito alla quale decisi di mandare Mauro a salvare l’amico. Il nostro Mauro arrivato sul lago, riuscì a camminare sulle acque e a salvare miracolosamente la vita dell’amico. L’episodio ci è narrato dalla “Legenda Aurea” di Jacopo da Varagine, oltre che dalle cronache di San Gregorio Magno. Gli vengono attribuiti anche miracoli di guarigione dei quali però rimane minor testimonianza.

San Mauro Abate

Come già detto San Benedetto lo scelse come suo successore, prima di recarsi a Montecassino; l’attività di abate fu svolta alacremente da Mauro, il quale rese l’abbazia uno dei luoghi più famosi e sacri di tutto il mondo. Secondo un’altra tradizione, nel 453 ca, Mauro fu mandato proprio da Benedetto a fondare un monastero oltrealpe, nello specifico in Francia. Glanfeuil nacque così sotto i migliori auspici sule rive della Loire, e prosperò come l’abbazia benedettina casa di Mauro e dei suoi fratelli. Il monastero fu così legato a San Mauro che negli anni i frati decisero di chiamarsi “Maurini” in onore del santo di oggi.

La fondazione del monastero di Glanfeuil in Francia, ci è testimoniata da un’opera scritta dell’abate del monastero stesso Oddone, denominata “Vitae Sancti Mauri“. In essa si racconta di come il monaco sia stato chiamato a partire con altri compagni per la Francia, e li a fondare il monastero secondo la regola di benedettina del “Hora et labora”. Rimase abate del suo monastero fino a 70 anni, e in questo arco di tempo compì anche numerosi miracoli. Famoso era il vino prodotto nelle vigne circostanti l’edificio, del quale ad oggi non rimaneche un muro ed una croce detta Croce di San Mauro.

Chi è San Mauro Abate per i cristiani

San Mauro morì in Francia nel 584 ca, probabilmente il 15 gennaio; dopo essersi ritirato dalla carica di abate, trascorse l’ultimo periodo della sua vita nel ritiro spirituale e nella preghiera. Il suo culto è strettamente legato alla sacralità della regola benedettina, ma soprattutto all’obbedienza intesa come valore personale. Fu grazie all’obbedienza alla propria guida spirituale, che San Mauro potè compiere il miracolo di salvare San Placido; e alla stessa obbedienza si deve la fondazione del monastero di Glanfeuil, riparo sicuro per tutti coloro che intendevano seguire le regole benedettine. L’obbedienza è una dote insita in ognuno di noi, ce ne dobbiamo prendere cura ed indirizzarla verso il miglior utilizzo possibile, e per il conseguimento di nobili o personali obiettivi. San Mauro Abate viene invocato per ogni sorta di malattie e per la protezione in situazioni di difficoltà e pericolo.

Previous articleChi era San Felice da Nola
Next articleChi è Federico Fashion Style di Real Time
Digital designer and brand curator con la passione per storia, funzionamento e riproduzione (a mano libera, su carta e in digitale) di tutto ciò che osservo. Prediligo il lavoro in team e sono sempre bendisposta al confronto di idee dal quale traggo ispirazione e insegnamento. Ho lavorato e lavoro da anni a contatto con il pubblico e mi auguro di poter continuare a comunicare agli altri le mie idee, non solo a parole ma con l’illustrazione, la fotomanipolazione, la post-produzione e tutte le tecniche rappresentative che approfondirò. Vorrei anche essere un ingegnere, ma questa è un'altra bio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here