Vaccino Covid obbligatorio in Italia? Bassetti: “Negazionisti ignoranti”

Sul vaccino solo “palle e fandonie”. Durissimo il professore Matteo Bassetti a Storie Italiane su Rai 1: “Ci sarà un patentino vaccinale”.

I negazionisti, i No Mask e quant’altro sono una minoranza, definirli ignoranti è poco, negare quello che è successo… si definiscono da soli”. Matteo Bassetti ha parlato così durante il collegamento con il programma di Rai Uno, a Storie Italiane.

Il professore ha spiegato perché il vaccino anti-Covid 19 è sicuro, oltre a essere “la più grande scoperta scientifica e tecnologica di questi tempi”. Secondo le affermazioni dell’esperto il vaccino è come un “riconoscimento facciale del virus”, infatti nessuna parte del virus viene inoculato nel nostro corpo, ma solo una proteina che permette agli anticorpi di reagire al Coronavirus.

“Non viene minimamente attacco il nostro Dna, sono palle e fandonie, utilizzate unicamente solo per buttare fango su una nuova tecnica”, ha aggiunto Bassetti.

Il professore della task force della Liguria non si esime dal dire la sua anche sull’eventuale obbligatorietà del vaccino: “Io farei due differenze, un conto è l’obbligo vaccinale nel mondo sanitario dove dobbiamo arrivare al 100%, non esiste che vi sia anche un solo operatore non vaccinato. Se non si convincono serve una legge.

LEGGI ANCHE >>> “Il vaccino è la tecnologia di Satana!”, Eleonora Brigliadori lascia tutti senza parole

LEGGI ANCHE >>> Il virologo Burioni si scaglia contro Heather Parisi e le sue scelte no vax

Matteo Bassetti, durissimo contro negazionisti e no vax, sostiene l’obbligatorietà del vaccino

“Diverso il discorso per il resto della popolazione – ha proseguito Bassetti – per cui ci arriveremo in maniera indiretta: già se vai sul sito delle grandi compagnie aeree ti dicono che se non sei vaccinato non puoi usare l’aereo, ci sarà un patentino vaccinale inevitabilmente”.

Insomma secondo quanto afferma Bassetti è inevitabile che chi sceglie di non vaccinarsi dovrà accettare una serie di divieti imposti che limiteranno di molto la vita normale.

“Io sono per la libertà totale – ha proseguito Bassetti – ma la tua libertà di non vaccinarsi finisce nel momento in cui inizia la mia libertà di non contagiarmi. Questo vale per scuole, supermercati, aerei, treni, tutti i luoghi pubblici”.

Il patentino vaccinale diventerà inevitabilmente un lascia passare per la frequentazione di alcuni luoghi pubblici, obbligatorio come il passaporto per viaggiare liberamente.

Il professor Matteo Bassetti riferisce anche che lui stesso è stato tra i primi a vaccinarsi, ma pare che a Codogno, primo paese italiano che ha sperimentato la violenza del Covid-19, il 30% degli operatori sanitari si è rifiutato: Consentiremo a queste persone di lavorare? O troveremo un modo per mettere in sicurezza gli ospedali?”.