Disdire il Canone Rai 2021 si può! Ecco come si può fare

Semplici consigli per la disdetta del Canone Rai. Prima che arrivi il 2021 è ancora possibile disdire la tassa ormai inclusa nella bolletta dell’energia.

Prima di spiegare come effettuare la richiesta di disdetta del Canone, ormai diventato per molti una tassa odiosa, bisogna dire quali sono le novità a riguardo per il 2021. Si pagherà solo sull’abitazione principale, in quanto intestata al capofamiglia, sulla fattura di energia elettrica, e il costo sarà di 90 euro.

Ci sono dei casi in cui il cittadino ha diritto all’esenzione dal Canone Rai, vediamo insieme quali sono: sulla seconda casa; su utenza di fornitura elettrica intestata a un altro familiare; se non si è in possesso di una tv; per decesso del titolare canone Rai; abitazione data in affitto di cui l’utenza della luce è ancora intestata al proprietario dell’immobile, mentre la disponibilità del televisore è degli inquilini; se si hanno più di 75 anni e un reddito che se sommato a quello del coniuge, non superi gli 8.000 euro e non si è conviventi con altri soggetti.

Per tutti quelli che pensano di non essere in tempo, non preoccupatevi, non è così. Per richiedere la disdetta c’è tempo fino al 31 gennaio 2021, così da essere esonerati dell’intera rata annuale. Qualora la disdetta venisse presentata dopo, l’esenzione partirebbe solo dal 1 luglio 2021. Si finirebbe per pagare quindi la tassa relativa ai primi 6 mesi del nuovo anno.

LEGGI ANCHE >>> Conti correnti a rischio blocco da gennaio 2021, vediamo perché

LEGGI ANCHE >>> Vittorio Sgarbi incontenibili, mette in difficoltà il presentatore Nicola Porro

Dove e come inviare la richiesta di disdetta del Canone Rai

Ci sono tre diversi modi per inviare la disdetta del Canone Rai.

Può farlo direttamente il contribuente tramite applicazione web, disponibile nel sito stesso dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline e Entratel.

Poi, è possibile farlo tramite intermediari abilitati, con obbligo di: consegnare una copia della ricevuta al dichiarante; conservare l’originale della dichiarazione sostitutiva sottoscritta dal dichiarante insieme alla copia del documento di identità; conservare la delega del dichiarante alla trasmissione della dichiarazione sostitutiva.

Infine, c’è il modulo di autocerficazione canone Rai, da poter spedire tramite posta. Verrà inviato tramite raccomandata e affiancato da una copia del documento di riconoscimento, a questo indirizzo: Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella postale 22 – 10121 Torino.

Per quanto riguarda la possibilità invece, di esenzione quando non si è in possesso di tv, c’è un Pdf a parte, che va scaricato. Il contribuente dovrà compilare il modulo di disdetta canone per assenza di tv, firmarlo, barrare una delle opzioni indicate e trasmetterlo per via telematica o spedire il modulo più il documento allo stesso indirizzo di cui sopra.