Guai in vista per Barbara D’Urso, è stata querelata: ecco i motivi

Un edicolante 37enne, originario di Aradeo, ha querelato Barbara D’Urso e la redazione di Videonews

Screenshot

Guai in vista per Barbara D’Urso. Come spesso la conduttrice ci tiene a specificare, i suoi programmi sono sotto testata giornalistica, di Videonews.

Spesso vengono trattati tremi di cronaca e di attualità, con inviati e indagini giornalistiche. In uno di questi episodi, purtroppo, è accaduto qualcosa di gravissimo.  Un 37enne di Aradeo avrebbe infatti querelato Barbara, per via di una leggerezza commessa da quest’ultima nel corso della puntata del 23 settembre.

LEGGI ANCHE >>> Niente Grande Fratello Nip nel 2021, ma la D’Urso dice sì

LEGGI ANCHE >>> Barbara D’Urso, la sorella la difende dagli insulti di un hater

Quali sono i motivi della querela a Barbara D’Urso

La puntata del 23 settembre di Pomeriggio Cinque si era aperta con il racconto di un inquietante caso di cronaca nera: l’omicidio dei due fidanzati Daniele De Santis ed Eleonora Manta.

La conduttrice, assieme alla redazione stava trattando la questione, come avevano fatto tutti i telegiornali italiani e tutte le testate giornalistiche.

Ma una leggerezza commessa dalla conduttrice, che di solito è sempre molto attenta, le è valsa la querela. Barbara, nel corso della puntata, ha formulato delle ipotesi parlando Del presunto assassino dei due fidanzati, e proprio durante uno di questi ragionamenti, la D’Urso ha fatto riferimento a un edicolante che sarebbe stato fermato dalla polizia, perché sospettato dell’omicidio.

Barbara in quell’occasione aveva anche dichiarato che la sua redazione aveva provato a contattare l’edicolante, ma quest’ultimo non avrebbe risposto perché era trattenuto in procura.

Queste sue dichiarazioni e supposizioni le sono valse la querela. Il 37enne di Aradeo, che poi risultò essere totalmente estraneo ai fatti, è stato dichiarato innocente.  A distanza di mesi, i legali dell’uomo hanno deciso di procedere contro Barbara e contro la redazione di Pomeriggio Cinque.