Gianluca Vacchi fa una triste rivelazione riguardante sua figlia appena nata

Prima copertina per la piccola Blu Jerusalema, figlia di Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca; l’imprenditore ha confessato che sua figlia ha una malformazione

Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca hanno posato per la loro prima copertina per un magazine spagnolo, Hola, insieme alla loro piccola figlia Blu Jerusalema, venuta al mondo lo scorso ottobre.

L’imprenditore ha rivelato che la piccolina è nata con una malformazione al palato. Si tratta di una malformazione congenita che può essere corretta attraverso un intervento chirurgico durante la crescita. “Con tanto amore vogliamo condividere la storia della nascita della nostra Blu Jerusalema. Siamo molto felici che finalmente possiate conoscerla”, ha scritto il 53enne su Instagram.

LEGGI ANCHE >>> Chi è Ginevra Mavilla, la figlioccia di Gianluca Vacchi

LEGGI ANCHE >>> Niente Grande Fratello Nip nel 2021, ma la D’Urso dice sì

Come hanno reagito Gianluca Vacchi e la sua compagna alla notizia della malformazione

“Blu è nata con la palatoschisi. Immediatamente la nostra anima e il nostro cuore sono stati accanto a lei, ma allo stesso tempo con tutte le famiglie che hanno dovuto affrontare una situazione simile, visto che questo accade ad un bambino ogni 700”.

“Siamo grati di avere un team medico straordinario per la nostra piccolina e che quando arriverà il momento saremo in grado di farla operare e quindi di farle vivere una vita completamente normale”, ha aggiunto Vacchi.

Questo non è però vero per molte famiglie e questa è la ragione per cui abbiamo deciso di usare quest’opportunità per diffondere la consapevolezza e supportare fondazioni come ‘Operation Smile’ che si occupa di aiutare famiglie che si trovano in questa stessa situazione”, ha concluso l’imprenditore.

Una malformazione, dunque, quella della piccola Mia, che sarà corretta con un intervento chirurgico. Gianluca Vacchi ha approfittato per aiutare anche l’associazione che si occupa di correggere queste malformazioni, anche per famiglie che non possono permetterselo.