Alessandra Mussolini: “Perché fare politica se puoi ballare?”

Ballando con le Stelle ha talmente cambiato Alessandra Mussolini che ha deciso di lasciare definitivamente la politica. Cosa farà? Non lo sa neppure lei per ora.

Fonte Foto Facebook

“Perché fare politica se puoi ballare?” Questa è la domanda senza rimpianti che si è posta Alessandra Mussolini. Una scelta maturata dopo il percorso sfavillante a Ballando con le Stelle, il programma di Rai 1 condotto da Milly Carlucci. Un talent a cui Alessandra Mussolini ha partecipato nell’edizione di quest’anno, 2020.

“Ballando con le stelle – dichiara Alessandra Mussolini in un’intervista al Tempoè stata un’esperienza fantastica, non avevo mai ballato prima. È stata un’esperienza anche estrema, a suo modo, perché dovevi imparare una coreografia da professionista. Mi ha fatto conoscere tanti aspetti della mia personalità che ancora non conoscevo o magari erano rimasti nascosti”.

L’esperienza di Ballando ha fatto crescere in Alessandra una consapevolezza fortissima riguardo alla sua vita e al suo futuro. Riguardo il suo impegno in politica, la Mussolini ha dichiarato che ormai quel periodo della sua vita si è chiuso.

La politica è stata un ciclo che si è chiuso – afferma Alessandra Mussolini -. Per me è stata ovviamente importante. È chiaro che quando una persona fa tanti anni di politica poi l’esperienza resta dentro. Però bisogna essere sempre pronti e aperti per le nuove cose e non rimpiangere mai nulla. Io sono sempre stata molto istintiva, se vogliamo passionale, e quando faccio le cose do tutta me stessa”.

LEGGI ANCHE >>> Malore in diretta per Alessandra Mussolini a Ballando con le Stelle

LEGGI ANCHE >>> Milly Carlucci: “La Mussolini non perderà la finale, sarà in pista”

Alessandra Mussolini tra incertezze sul futuro e un pizzico di scaramanzia

Di sicuro anche questo strano periodo della pandemia da Coronavirus ha spinto la Mussolini a una riflessione profonda sulla sua vita.

Quello che farò mi è sconosciuto completamente – prosegue Alessandra Mussolini -. Abbiamo vissuto un anno che ci insegna che non bisogna fare progetti né programmi. Viviamo alla giornata e si prende quello che c’è. È stato un anno terribile e drammatico. Per tanti italiani, per le famiglie, per l’economia”.

Riguardo la ripresa e il nuovo anno, Alessandra Mussolini si è detta positiva e un po’ scaramantica, dopotutto ha origini campane da parte di madre.

“Quello che mi sento di dire è che noi italiani siamo sempre stati un popolo di ottimisti, di fantasiosi. Quindi andiamo avanti perché il Coronavirus non ci piegherà. La gioia di concludere questo 2020 ce l’avranno tutti credo. Ho paura di festeggiare per il 2021 e quindi la mia scaramanzia, come al solito, sarà avere una piccola treccina per il 31 dicembre, con un filino dorato nei capelli, nascosta”.