Il vincitore di The Voice: “Stavolta la musica non mi ha tradito”

La versione Senior di The Voice è stata davvero una storia di rivincita e ha dato la vittoria proprio a chi era stato tradito dalla sua passione per tutta la sua vita.

Screenshot

A The Voice Senior hanno vinto le storie, ma anche la musica e i sogni. Quei sogni gelosamente custoditi nel cassetto anche se la vita ti ha portato altrove.

Così sul palco di Rai 1 sono saliti cantanti over 60, insegnanti, professionisti, gente che non ha mai smesso di cantare, ma senza mai avere successo. Questa è la storia anche del suo vincitore Erminio Sinni, cantautore romano dalle doti incredibili.

Inspiegabilmente la musica per lui non è mai diventata una professione, nonostante la sua voce potente e meravigliosa, le sue doti da musicista al pianoforte e le sue canzoni dai testi poetici.

Un nome conosciuto almeno in quel di Roma, come aveva rivelato subito alle Blind Auditions uno dei giudici di The Voice Senior, Gigi D’Alessio che subito citò il titolo di una delle sue canzoni che “a Roma cantano tutti”.

LEGGI ANCHE >>> Gaffe imperdonabile della Clerici a The Voice Senior, critiche dal web

LEGGI ANCHE >>> Un latin lover al Grande Fratello Vip, Mario Ermito colpisce

A volte i treni passano per la seconda volta come per Erminio Sinni

Erminio Sinni inciderà un vinile con Universal Music Italia e parteciperà allo show di Capodanno di Rai Uno L’anno che verrà, condotto da Amadeus. Aggiungiamo che ha vinto la guerra più importante: quest’estate ha sconfitto il covid che l’ha visto ricoverato per dodici giorni al Policlinico Umberto I di Roma.

“Mi hanno curato– racconta Sinni – in maniera commovente. Una maturità incredibile. Mi hanno rassicurato. Dietro quelle divise, con 40 gradi all’esterno, tanto cuore. Neppure conosco i loro volti, ma ho scritto una canzone per loro e gli dedico la vittoria insieme con la mia mamma e la mia compagna Rossella”. 

Mi sembra impossibile essere salito su questo secondo treno che è passato. Sono partito il 27 novembre ed eravamo in tanti ad aspettarlo. Ognuno di noi con una enorme valigia trascinata per le strade della vita da mezzo secolo. In queste valigie ci sono tante emozioni, anni interi a studiare chi canto chi uno strumento, miliardi di chilometri in macchina. Siamo i Don Chisciotte, gli Icaro del 2000. Noi abbiamo già vinto tutti dal momento che siamo entrati in questa trasmissione, ha dichiarato commosso il giorno dopo la sua proclamazione Erminio.