Antonella Elia critiche a Filippo Nardi, ma ricordate i suoi insulti contro la Marini?

Antonella Elia ieri sera si è schierata giustamente e duramente contro Filippo Nardi, dicendo parole forti; ma che dire degli insulti rivolti da lei alla Marini quando erano nella casa insieme?

Antonella Elia ieri sera in puntata si è giustamente scagliata duramente contro Filippo Nardi e le sue frasi pessime. Lo ha chiamato ignorante e lo ha accusato di avere pochezza intellettuale e umana.

La Elia forse ha dimenticato che anche lei ha usato parole poco carina qualche mese fa, nella casa, verso un’altra donna, Valeria MarinI. Tra le due non correva buon sangue, o per meglio dire, Antonella non ha mai potuto vedere Valeria Marini.

Durante la puntata del 27 gennaio Valeria Marini ha varcato la porta rossa per avere un confronto, con Antonella Elia.

Valeria le aveva detto: “La tua aggressività nei confronti delle altre donne è diseducativa. Quello che rovina il mondo è l’invidia che, condita con la stupidità, diventa una tragedia. Tu non sei un esempio per le altre donne”.

LEGGI ANCHE >>> Antonella Elia si scaglia contro Filippo Nardi, parole forti al Gf Vip

LEGGI ANCHE >>> Pietro Delle Piane cacciato da casa della Elia dalla polizia

Le parole offensive di Antonella Elia nei confronti di Valeria Marini

Le risposte di Antonella Elia furono tremende e offensive: «Tu sai solo acchittarti, gonfiarti, mettere le calze a rete con sotto quelle contenitive, coprirti di lustrini, sai solo tirare da tutte le parti, c’hai le rughe verticali, vuol dire che ti sei tutta tirata, hai iniziato dagli alluci e sei finita dietro le orecchie, hai fatto il giro, hai la cucitura dietro».

E ancora: «Tu sei istrionica e mitomane, pensi di suscitare invidia, io no e non invidio le donne. Ma per suscitare invidia ci vogliono delle qualità e io penso che tu non abbia alcuna qualità né umana né artistica» , parole che lasciarono tutti gli inquilini di stucco.

Bisogna sempre condannare le offese contro le donne, anche se  derivano da un’altra donna.