Fabrizio Frizzi: a due anni dalla morte, il retroscena che nessuno conosceva

A più di due anni dalla morte di Fabrizio Frizzi viene fuori un retroscena che nessuno conosceva e che è stato rivelato da Rita Dalla Chiesa

fabrizio frizzi
Instagram

Sono trascorsi quasi tre anni dalla scomparsa del celebre conduttore Fabrizio Frizzi. Un uomo buono, umile, disponibile, generoso e sempre sorridente. Amatissimo dal pubblico, il suo solo pensiero fa emozionare.

A ricordarlo in queste ore una delle donne più importanti della sua vita: moglie, compagna e poi amica, Rita Dalla Chiesa ha parlato di Fabrizio durante la trasmissione Oggi è un altro giorno.

La conduttrice è intervenuta per promuovere il suo nuovo libro, ma non ha potuto evitare di parlare di Fabrizio, uomo e artista straordinario.

LEGGI ANCHE >>> Iva Zanicchi preoccupa ancora i suoi fan, la sua confessione delicata

LEGGI ANCHE >>> Il destino di Filippo Nardi è segnato; Mediaset in fortissimo imbarazzo!

Rita Dalla Chiesa: “Fabrizio Frizzi mi ha salvato la vita”

rita dalla chiesa
Instagram

La celebre giornalista si è aperta durante l’intervista con Serena Bortone. E come non parlare di uno dei suoi più grandi amori, quello per Fabrizio Frizzi? Un uomo che, nonostante fosse più giovane di lei di dieci anni (scelta all’epoca criticatissima) ha saputo darle quel senso di protezione che nessuno le aveva mai dato prima.

Rita ha ammesso di pensare a Fabrizio tutti i giorni e poi si lascia andare ad un racconto inedito, di un retroscena della loro storia che nessuno conosce. Pare che Fabrizio Frizzi inizialmente le facesse una corte spietata, appostandosi sotto casa con la vespa attendendo che scendesse.

Rita arriva ad ammettere che Fabrizio le ha salvato la vita, perché ha “Rotto il rigore militaresco a cui era abituata”, riferendosi a suo padre, il Generale Dalla Chiesa.

Il suo nuovo libro: ‘Un valzer con papà’, è un racconto a cuore aperto della sua infanzia, durante la quale a causa del lavoro di suo padre, il Generale Carlo Alberto Dalla chiesa, ha dovuto spesso spostarsi di città in città. 

Ma suo papà era anche un uomo affettuoso: fa commuovere il ricordo del generale Dalla Chiesa che spesso le regalava delle rose rosse.