Si ritrova con 2000 € in meno sul conto; quello che scopre è da non credere

Un ragazzo che vive nell’aretino, da diversi mesi si ritrovava ammanchi sul conto corrente; la scoperta lo ha scioccato

carabinieri

Un ragazzo di Caprese Michelangelo (provincia di Arezzo), lo scorso settembre aveva denunciato alla Stazione dei Carabinieri locale un ammanco sul suo conto corrente bancario, di circa 2000 euro.

A causa di questa denuncia, sono iniziate le indagini per comprendere cosa sia accaduto e se ci fosse stata qualche mancanza da parte dell’istituto bancario. Gli inquirenti, però, hanno fatto una scoperta sconvolgente, che ha reso la vicenda ancora più squallida.

LEGGI ANCHE >>> Emilio Fede ricoverato per Covid, come sta ora il giornalista?

LEGGI ANCHE >>> Un’emozionata Antonella Clerici: “Non sarei qui senza di lui!”

Gli ammanchi sul conto corrente erano opera di sua madre

Una volta acquisiti i fotogrammi e i filmati delle telecamere di videosorveglianza dell’istituto di credito, i carabinieri sono riusciti a risalire alla persona che aveva prelevato il denaro da un conto corrente non suo.

Ebbene è stato sconvolgente scoprire che si trattava della madre del ragazzo che aveva sporto denuncia. La donna aveva effettuato più prelievi, per un totale di due mila euro.

La donna dovrà rispondere del reato di furto, oltre a spiegare a suo figlio perché ha fatto una cosa tanto orribile. Per questo però ci sarà tempo.

Il reato di furto prevede che chiunque s’impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 154 euro a 516 euro.

Il furto è punibile a querela della persona offesa, salvo che ricorra una o più circostanze aggravanti.

Rimane l’amaro in bocca perché non ci si può capacitare di come certi gesti meschini possano arrivare dalle persone di cui ci fidiamo maggiormente.