Silvia Provvedi per la prima volta rompe il silenzio sul suo compagno arrestato

Silvia Provvedi e sua figlia Nicole, nata a Giugno, passeranno questo Natale da sole, senza il compagno Giorgio De Stefano, attualmente rinchiuso in carcere

silvia provvedi 1
Instagram

Giorgio De Stefano, compagno di Silvia Provvedi e padre della loro piccolina Nicole, è attualmente recluso in carcere per via di un’inchiesta legata all’’ndrangheta.

Per la prima volta Silvia parla di lui in un’intervista a Chi e dice: “Mi manca da morire. Nonostante la difficoltà e la divisione, la lontananza forzata, siamo così uniti che niente e nessuno ci dividerà“. La sua forza è sua figlia Nicole, che le dà l’energia e la serenità di andare avanti.

Lo scandalo è accaduto qualche mese fa, quando il compagno di Silvia è stato arrestato per collegamenti con la ‘ndrangheta. Le accuse sono molto gravi e da allora Silvia non ha mai parlato di quanto accaduto.

LEGGI ANCHE >>> E’ finita tra Rosa Perrotta e Pietro Tartaglione?

LEGGI ANCHE >>> Parla il figlio di Rocco Siffredi: “Ecco com’è essere il figlio di una pornostar”

Silvia Provvedi felice e serena grazie a sua figlia Nicole

silvia provvedi 2
Instagram

Il periodo non è dei migliori, ma io sono piena d’amore. Dico grazie alla mia famiglia, al mio compagno nonostante la lontananza. Sono molto innamorata e molto serena. Ho la certezza che questo sia solo un periodo e prima o poi ne usciremo anche più forti di prima. E poi essere diventata mamma è come fosse un super potere che ti proietta verso la visibilità”.

Il fidanzato Giorgio De Stefano è in prigione, ma la situazione ha modificato assolutamente il loro amore e questo Silvia ci tiene a specificarlo.

Silvia spiega che niente e nessuno potrà dividerli, nemmeno questa divisione forzata, perché loro sono così uniti che non si divideranno mai. “Questo lo voglio ribadire con forza. Ci sono pochi mezzi per comunicare, ma per noi diventano importantissimi e sappiamo come sfruttarli. Non c’è legge che possa disegnare le linee perfette delle nostre vite, dobbiamo provarci noi pretendendo il meglio che la vita ci offre anche quando ci sono muri che sembrano altissimi“.