Raimondo Todaro ha perso la testa e non per Elisa Isoardi

Raimondo Todaro ha perso la testa per una donna, ma non è Elisa Isoardi bensì Sara Arfaoui, volto noto professoressa de L’Eredità; i due pizzicati da Chi

fidanzata di todaro sara arfaoui
Instagram

Si è detto di tutto e di più su Raimondo Todaro ed Elisa Isoardi, sul loro feeling, sulla loro sintonia e su un’eventuale storia d’amore tra di loro.

Invece Raimondo Todaro è stato beccato mano nella mano con un’altra donna, che sembra a tutti gli effetti più di un’amica. Si tratta di Sara Arfaoui, volto noto al pubblico di Rai Uno nel ruolo di professoressa del quiz show ‘L’Eredità’.

A pizzicarli è stato il settimanale Chi che immortala i due a Roma, mentre si scambiano un bacio e poi si fanno un giro su un motorino.

LEGGI ANCHE >>> Arisa lancia una frecciatina a X-Factor: “Meglio Amici”

LEGGI ANCHE >>> Ballando con le Stelle, una coppia confessa: “Ci sentiamo tutti i giorni”

Persa ogni speranza per Elisa Isoardi e Raimondo Todaro

todaro e fidanzata
Screenshot di “Chi”

Fine delle speranze, dunque, per i fan che sognavano una storia d’amore fra i beniamini della coppia di Ballando con le Stelle.

In verità c’è da dire che sia Elisa che Raimondo hanno sempre ribadito che tra di loro c’è stata e c’è solo amicizia. Ed effettivamente queste paparazzate sembrano dimostrare proprio questo.

Sara Arfaoui, modella e professoressa del quiz show di Rai Uno ‘L’Eredità’, ha 25 anni ed è nata a Nizza da genitori tunisini. Occhi azzurri, capelli mori e fisico statuario, la modella vanta oltre 75mila follower su Instagram.

La ragazza in un’intervista ammise di aver pensato alla chirurgia estetica: “Non nego che in passato, di fronte a tutte queste pressioni, mi sia passato per la testa di rifarmi il décolleté, ma alla fine ho sempre resistito alla tentazione. Questo perché, anche se viene promosso come se fosse un semplice taglio di capelli, si tratta pur sempre di un intervento chirurgico con i relativi rischi e non si sa mai esattamente come il proprio corpo possa reagire all’innesto delle protesi”.