Come riparare i capelli danneggiati

Sono un problema molto comune in quasi tutte le donne. I capelli si presentano secchi, opachi, spezzati. Come riparare i capelli danneggiati?

I capelli danneggiati sono un problema molto comune in quasi tutte le donne. I capelli si presentano secchi, opachi, difficili da pettinare; si spezzano, e al tatto ricordano tanto la stoppa da lavandino. Le cause possono essere molteplici, ne riportiamo alcune: utilizzo di piastre e ferri arricciacapelli che non ne rispettano la struttura, shampoo troppo aggressivo, rimedi passati sbagliati. Queste sono tutte facili cause di capelli danneggiati. Come si può porre rimedio senza per forza dover affrontare lunghe e costose sedute dal parrucchiere? Come riparare i capelli danneggiati?

Riparare i capelli danneggiati: rimedi naturali e non

E già! I capelli danneggiati si riparano si con attente cure, ma queste possono tranquillamente essere casalinghe. I rimedi, o meglio le cure, sono tutte a base di elementi che devono nutrire nuovamente il capello senza però aggredirlo eccessivamente. Devono durare il tempo giusto per reagire con il quoio, e devono trasformarsi in buone abitudini per evitare pesanti ricadute. Ma quali sono questi rimedi?

I rimedi naturali

Quando parliamo di rimedi naturali intendiamo elementi che vanno applicati singolarmente o mescolati in maschere per capelli, nei punti in cui il danno è più evidente e sulla cute. Iniziamo dal burro, un ottimo rinforzante e ammorbidente della cute secca; va applicato sui capelli e lasciato in posa per circa mezzora. Risciacqua e asciuga i capelli, con delicatezza e con gli strumenti adeguati. Il risultato sarà tangibile. Un altro importante aiuto è dato dall’Avocado. Se ne hai in casa, mescolalo con un uovo e applicalo sui capelli bagnati; tienilo in posa per venti minuti e poi risciacqua. Questa maschera per capelli a base di avocado nutre e dona colore ai capelli spenti: ripeti la procedura fino ad ottenimento del risultato. Da non dimenticare il miele, ottimo sia se usato solo che se usato in una maschera.

Un piccolo focus va fatto sulle uova: hanno un ottimo influsso sia se utilizzate da sole che insieme allo shampoo, garantiscono un apporto di proteine benefiche che rafforzano i bulbi. Altri componenti utili che potresti avere in casa sono olio, sidro di mele e té. Il sidro, o aceto di mele, dona nuova luce ai capelli, soprattutto se mescolato con albume d’uovo e olio d’oliva; lascialo riposare per mezzora e poi risciacqua bene. Il invece è consigliabile per illuminare il bruno, sul biondo si consiglia la camomilla; questi due ingredienti garantiscono il benessere e il rispetto del capello, non rinunciateci.

Curare i capelli danneggiati: altri metodi e prevenzione

Nel trattamento dei capelli danneggiati non dovrebbe mancare un buon balsamo, soprattutto in estate quando sono più sfibrati. Ma un aiuto in tal senso è dato anche dall’Omega 3, disponibile sul mercato in pillole da assumere da una a tre volte al giorno. Chiaramente è meglio consultare uno specialista, ma i rimedi a disposizione sono vari e validi.

E se prevenire è meglio che curare, ecco che in soccorso dei capelli danneggiati arriva la prevenzione: prima di asciugare i capelli, avvolgili in un asciugamano così che questo assorba l’umidità superflua. Tienili così per qualche minuto, e con questa semplice accortezza riuscirai a stressarli di meno durante l’asciugatura e a prevenire le doppie punte. Anche tenere sempre i capelli legati contribuisce a debilitarli e a “viziarne” la crescita. Scioglili più spesso. È vero che capelli molto lunghi folti e pesanti sono più confortevoli se sollevati dalle spalle, ma tenerli più liberi li curerà dal deterioramento. E la tua priorità deve essere sempre il benessere di tutto il tuo corpo.

Previous articleCome profumare il bucato
Next articleCome togliere il calcare dal bagno
Digital designer and brand curator con la passione per storia, funzionamento e riproduzione (a mano libera, su carta e in digitale) di tutto ciò che osservo. Prediligo il lavoro in team e sono sempre bendisposta al confronto di idee dal quale traggo ispirazione e insegnamento. Ho lavorato e lavoro da anni a contatto con il pubblico e mi auguro di poter continuare a comunicare agli altri le mie idee, non solo a parole ma con l’illustrazione, la fotomanipolazione, la post-produzione e tutte le tecniche rappresentative che approfondirò. Vorrei anche essere un ingegnere, ma questa è un'altra bio.