Che cos’è il malocchio e come eliminarlo

Tutto quello che c'è da sapere sul malocchio; che cosa è, come diagnosticarlo, come farselo togliere ed, eventualmente, come toglierlo da soli.

Al giorno d’oggi si sente spesso parlare di malocchio, spesso viene visto come “sfiga”, ma questo maleficio è una vera e propria pratica professata da molte persone in giro per il mondo. 

Che cos’è il malocchio?

Il malocchio è un evento malefico provocato da una persona o animale attraverso lo sguardo. Il termine malocchio significa, infatti, «occhio che manda il male». Questa tradizione ha origini antichissime e si trasmette di generazione in generazione in alcune culture. Il malocchio è una pratica diffusa in alcune aree geografiche e culturali, e può essere trasmesso sia volontariamente che involontariamente. La maggior parte delle volte in cui è trasmesso in maniera involontaria, infatti, la causa scatenante è l’invidia o l’ossessione.

Il malocchio può portare malessere fisico o psicologico, come mal di testa, vomito, nevrosi, depressione e tristezza. Inoltre, l’avvenimento ripetuto di eventi negativi può essere dato da questo. 

Come capire se si ha il malocchio

Per coloro che credono nel malocchio, esistono alcune persone in grado di capire chi è affetto dal maleficio, e alcune di queste sono anche in grado di estirparlo. Esistono diversi modi per capire se si è affetti dal maleficio, ma le diverse procedure cambiano a seconda della zona culturale. Una tra le pratiche più diffuse per diagnosticare ed eventualmente togliere il malocchio è quella dell’olio. Con questa pratica, una goccia d’olio viene versata in un piatto con dell’acqua. I risultati possono essere due: la goccia può scomparire o rimanere a galla e a seconda dell’accaduto, gli esperti capiscono se si è affetti dal malocchio oppure no. Ovviamente, non tutti sono d’accordo sulla veridicità di questa procedura.

Come togliere il malocchio

Per togliere il malocchio dopo aver capito di esserne affetti, per prima cosa, per evitare che qualcun altro entri in contatto con l’acqua utilizzata e prenda il malocchio, è necessario gettarla in un luogo sicuro. In un secondo momento, bisogna ripetere il rito altre due volte, e ogni volta la goccia d’olio dovrebbe apparire sempre più piccola. Alla terza volta, se il maleficio è stato eliminato, l’olio dovrebbe essere scomparso. Al contrario, se non sparisce, è necessario tagliare le gocce di olio con le forbici. Ciò vuol dire che il maleficio è davvero potente. L’importante è che questa procedura venga effettuata tre volte senza interruzioni. 

Come togliere il malocchio da soli

Molte persone affette da malocchio cercano di togliersi il maleficio autonomamente. Esiste, infatti, una pratica che permette di non rivolgersi a guaritori esterni. Una delle prime cose da fare è disfarsi di tutte le cose che non utilizziamo e che ci sono state regalate da persone poco affidabili. È necessario liberarsi, infatti, di tutti gli oggetti che potrebbero avere un ricordo negativo o altrimenti pulire perfettamente l’oggetto, nel caso in cui provochi ricordi negativi. La casa è un luogo che va sanificato perfettamente, pulendo tutte le stanze, gli oggetti e gli angoli. Bisogna prestare attenzione a tutti i luoghi nel quale passiamo molto tempo, pulirli e lucidarli.

Come prevenire il malocchio

La prevenzione del malocchio cambia a seconda della zona culturale di cui si fa parte. Come per la pratica dell’olio, ognuno ha delle credenze e usanze differenti. In generale vengono usati amuleti e “gesti” tradizionali. Alcuni esempi possono essere lo spicchio d’aglio, il corno rosso, il nastro rosso e il sale. Ogni zona ha le sue tradizioni, molte sono più complicate e particolari di quelle sopra elencate, ma tutto dipende dalle vostre credenze.