Chi era Sant’Igino Papa

Filosofo ateniese, Sant'Igino è stato il non vescovo della Chiesa Cattolica. Chi era Sant'Igino Papa e perchè viene ricordato?

Sant’Igino era ateniese e fu il nono vescovo della Chiesa cattolica; filosofo prima ancora che Santo, è ricordato nel calendario l’undici di gennaio ma questa data non corrisponde alla sua morte. Chi era Sant’Igino Papa e perchè viene ricordato?

Sant’Igino, di origine greca, aveva studiato come filosofo: questo sicuramente lo poneva su un piano diverso rispetto ai suoi predecessori. Il suo pontificato, riconducibile al periodo che va dal 138 al 149, fu costellato di innovazioni. Il periodo storico lo richiedeva, siamo alla fine del regno di Adriano e all’inizio di quello di Antonino Pio; questo è il cosiddetto secolo d’oro della storia di Roma, un periodo di pace e prosperità ma soprattutto di indulgenza verso la cristianità.

Sant’Igino Papa

In quanto al suo pontificato, Papa Igino dovette confrontarsi con l’eresia gnostica di Valentino e Cerdone. Lo gnosticismo all’epoca andava di pari passo con il cristianesimo, come poteva non essere così? La più importante e discussa delle religioni monoteiste era terreno fertile per le elucubrazioni degli gnostici. I principi dello gnosticismo si basavano tutti sul raggiungimento della salvezza tramite la conoscenza, una teoria che per la cristianità era inammissibile. La fede, come virtù teologale rappresenta il pass per salvarsi l’anima, non l’opposto. Questa problematica impegnò Papa Igino per quasi tutto il suo pontificato, in maniera più intensa che in altri proprio a causa della suo formazione filosofica; nessun ragionamento sofistico avrebbe ammesso l’acquisizione di una conoscenza assoluta, figuriamoci quello di un vescovo di Roma plasmato dalla scuola greca. Nel caso di Cerdone, Il Santo Padre agì con la scomunica, per poi riaccogliere in seno alla Chiesa lo gnostico pentito e riespellerlo in quanto recidivo. Per Valentino, nonostante le colpe fossero probabilmente maggiori, Sant’Igino agì da vero Santo e cercò in ogni modo di riportare l’uomo in seno al Signore.

Il Papa delle prime riforme

Sant’Igino durante il suo breve pontificato si occupò anche di riformare la gerarchia ecclesiastica: fino ad allora non esistevano figure intermediarie tra i sacerdoti ed il Papa. Egli introdusse gli incarichi di presbiteri e diaconi, in modo da migliorare anche la formazione dei semplici sacerdoti. La tradizione vuole che sua sia anche l’innovazione del padrino/madrina di battesimo, una riforma che ben si lega all’inserimento di figure mediatare di cui sopra. Anche il bambino, come il sacerdote, che si affaccia alla vita con il sacramento, ha bisogno di una guida che lo indirizzi nel cammino di fede. Igino muore nel 142; sulla sua sepoltura non si hanno dubbi, il suo corpo riposa vicino a quello del primo Vescovo di Roma.

Sant’Igino Martire?

Alcune teorie vogliono che Sant’Igino sia morto martire durante le persecuzioni di Antonino Pio, ma purtroppo non se ne può avere certezza. Inoltre il regno di Antonino non è ricordato per le persecuzioni, al contrario del successore Marco Aurelio che sappiamo essere stato un persecutore. Per secoli la questione è stata oggetto di riflessioni, vi si sono confrontati nomi come Voltaire Gibbon Freud, ma nessuno di loro concorda su una versione definitiva. Questo clima di “tolleranza condizionata” spingeva alla paura ma anche all’evoluzione, ecco perchè martirio o non, l’azione di Sant’Igino acquista comunque odore di santità.

Previous articleChi era Sant’Aldo Eremita
Next articleQuali sono le affinità di coppia per i Gemelli
Digital designer and brand curator con la passione per storia, funzionamento e riproduzione (a mano libera, su carta e in digitale) di tutto ciò che osservo. Prediligo il lavoro in team e sono sempre bendisposta al confronto di idee dal quale traggo ispirazione e insegnamento. Ho lavorato e lavoro da anni a contatto con il pubblico e mi auguro di poter continuare a comunicare agli altri le mie idee, non solo a parole ma con l’illustrazione, la fotomanipolazione, la post-produzione e tutte le tecniche rappresentative che approfondirò. Vorrei anche essere un ingegnere, ma questa è un'altra bio.